bassa stagione come ricevere più prenotazioni

Bassa stagione come ricevere più prenotazioni: suggerimenti

Come avere più prenotazioni in autunno e, in generale, come ricevere più prenotazioni in bassa stagione?

Se sei un host o un albergatore, lo sai bene, anche meglio di è: già durante l’alta stagione è già arrivato il momento di iniziare a pensare e, soprattutto pianificare, la prossima stagione, ovvero quella autunnale e comprendere quali sono le opportunità da cogliere.

I potenziali ospiti, nel momento in cui sto scrivendo questo articolo, stanno già iniziando a cercare ed a prenotare strutture per i mesi che vanno da settembre a novembre.

Voglio allora darti degli utili consigli per incrementare le prenotazioni in bassa stagione.

Bassa Stagione: attenzione ai canali

Anzitutto, nel pianificare la strategia della tua campagna di marketing autunnale, assicurati di includere tutti i potenziali canali online su cui i tuoi ospiti potrebbero trascorrere il loro tempo.

Il mio consiglio è quello di pensare a due aree chiave per ricevere prenotazioni in autunno: la sensibilizzazione multicanale dedicata e il “midterm”.

Negli anni precedenti, le ricerche sulle “vacanze autunnali” sono iniziate a metà luglio, per poi aumentare ad agosto e raggiungere il picco a settembre. Quest’anno non fa eccezione.

Bassa stagione: Sito Web ed E-mail Marketing

Dai un’occhiata al tuo sito web e aggiungi delle pagine di contenuti dedicate alle vacanze autunnali: in tal modo inizierai a catturare le ricerche degli utenti prima ancora di esporti con le campagne a pagamento e inizierai ad attuare una strategia di destagionalizzazione.

Allo stesso modo è arrivato il momento di utilizzare l’e-mail marketing: inizia a farlo contattando i precedenti ospiti, offrendo loro un codice sconto e informandoli delle nuove ed entusiasmanti offerte in arrivo.

Prenotazioni in bassa stagione e target giusti

Attenzione anche ai target giusti da andare a solleticare.

Perché non saranno solo le famiglie a prenotare i soggiorni. Tieni conto di tutte le diverse tipologie di ospiti che viaggeranno: lavoratori a distanza, coppie, gruppi di amici. Promuovi pacchetti del tipo “Resta più a lungo e spendi meno”.

Se ti rivolgi a target specifici puoi anche pensare di concentrarti su di essi utilizzando strategie di marketing geolocalizzato (ADS mediante Facebook o Google).
Devi cioè circoscrivere con esattezza il tuo customer avatar, comprendendo però quali esperienze o servizi puoi offrirgli per convincerli e poi andarli a segmentare anche da un punto di vista geografico di modo da centrare il bersaglio con maggiori probabilità.

Non vi è insomma migliore momento di promuovere pacchetti o offerte speciali che però -attenzione- non devono solo solleticare la tasca dei potenziali ospiti a causa di uno sconto ma, piuttosto, aggiungere valore alla loro esperienza di soggiorno.

Ben vengano allora offerte che includano dei plus come ad esempio una cena in un ristorante tipico locale o, ancora, accesso gratuito ad aree riservate della struttura.

Bassa stagione e target business

Dai la giusta importanza anche ai viaggiatori business.

Evidenzia gli aspetti ed i servizi che a loro interessano, come la connessione Wi-Fi gratuita ad alta velocità, una postazione di lavoro comoda e spaziosa, punti geolocalizzati importanti a breve distanza da raggiungere comodamente a piedi, il centro fitness.

E ancora, la possibilità di cenare in camera, l’accesso a film in streaming/Netflix e così via.

Bassa stagione e Repeaters

Non dimenticare inoltre i repeaters, cioè gli ospiti abituali o che comunque hanno soggiornato presso la struttura in passato.
Sono tipologie di clienti che, se ben incentivati grazie a comunicazioni personalizzate ove viene riconosciuta e premiata la loro fedeltà, sono ben propensi a prenotare.
La regola è dunque quella di sfruttare al massimo il database clienti implementando ovviamente strategie di marketing turistico personalizzate per coinvolgerli.

Attenzione ai piani tariffari e alle disponibilità

I piani tariffari e le descrizioni sono chiari? Controllali due volte e assicurati che mettano in evidenza solo ciò che è rilevante: ad esempio, potrebbe non essere necessario includere i dettagli sul parcheggio gratuito, ma le dimensioni delle camere potrebbero essere più interessanti.

Tariffe e disponibilità per l’autunno

Assicurati di avere i prezzi migliori sul tuo sito web, in modo da aumentare il più possibile le prenotazioni dirette in bassa stagione.

Per quanto riguarda i messaggi da dare correlati al vantaggio di prenotare direttamente, mantienili semplici. Devono essere i più chiari e coerenti possibili e, ovviamente, assicurati che siano presenti su tutte le tue piattaforme sociali e pubblicitarie.

Comprendere la stagionalità della propria attività – così come i picchi o le flessioni che tendono a caratterizzare ogni anno – è fondamentale per ogni albergatore, host o property manager, in quanto è proprio questa conoscenza che ti consente di pianificare ogni periodo con largo anticipo. Ed una pianificazione adeguata consente di massimizzare i ricavi durante tutto l’anno, anche quindi in bassa stagione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *